Società di vendita

Rete gas e trasporto

Il Decreto Letta 164/00 assicura a tutti gli utenti libertà di accesso alla rete gas. L'Autorità per l'Energia Elettrica e il Gas, per sostanziare questa disposizione, ha il compito di emanare criteri atti a garantire che il trasporto e il dispacciamento del gas avvengano in modo neutro e imparziale e a parità di condizioni per tutti i soggetti che hanno il diritto di accedere alle reti.

RIFERIMENTI POWERGAS DISTRIBUZIONE PER I SOGGETTI CHE RICHIEDANO IL VETTORIAMENTO

POWERGAS DISTRIBUZIONE S.p.A
Via Appia loc. Lo Uttero snc
81100 Caserta (CE)

 

SCAMBIO INFORMAZIONI TRA GLI OPERATORI

  •  

icona_scambio_informazioni

Nella sezione " Scambio di informazioni tra gli operatori ", sono pubblicati i modelli da utilizzare per richieste di servizi al Punto di Riconsegna, richieste d'accesso, variazioni contrattuali e richieste di alimentazione tramite carro bombolaio. Sono inoltre elencate le modalità di inoltro di ciascun tipo di richiesta.

Segnaliamo, in particolare, la possibilità di introdurre tali richieste direttamente nel sistema informativo Powergas utilizzando l'applicativo Portale di servizi.

Per richiedere l'abilitazione all'utilizzo è disponibile il modello GOL1, debitamente compilato e sottoscritto dal legale rappresentante, o al numero di fax 0823 000000 oppure tramite e-mail all'indirizzo info@pec.powergasdistribuzione.it

 

 

Metano

COS'È
Il gas naturale comunemente chiamato metano è in realtà una miscela gassosa composta essenzialmente da idrocarburi, prevalentemente metano ed in minore quantità da etano, propano, ed idrocarburi superiori.
Nella miscela possono essere presenti gas inerti quali l'azoto e l'anidride carbonica. Il metano è il più semplice degli idrocarburi, la sua formula chimica è CH4.

 Molecola di metano CH4

Il gas naturale è un combustibile molto versatile, trova già largo impiego sia nell'uso industriale e termoelettrico che nel riscaldamento domestico e nella cottura dei cibi, ora va diffondendosi anche nel settore trasporti.
Grazie alla sua semplicità di composizione ed alle sue qualità nell'impiego motoristico, il gas naturale si è rivelato come uno dei più interessanti combustibili alternativi oggi disponibili, che abbinato alla moderna tecnologia, consente di realizzare veicoli a minimo impatto ambientale caratterizzati da emissioni inferiori ai più severi limiti oggi in vigore.

Il gas naturale distribuito nelle case che per sua natura è inodore, viene "odorizzato", in modo che si possa avvertirne subito l'eventuale presenza. 
Esistono comunque in commercio apparecchi detti "segnalatori" o "rivelatori" di gas per uso domestico, che "sentono" il gas presente nell'ambiente e lo segnalano con allarmi acustici o ottici, cioè con una luce oppure con una sirena o un sibilo.
Alcuni di questi rivelatori possono anche bloccare il flusso del gas nell'impianto dopo il contatore, a patto che siano collegati ad una elettrovalvola collocata subito dopo il contatore stesso.
Installare questi dispositivi non è obbligatorio ma se decidi di farlo, devi comunque osservare le regole prescritte dalle norme UNI-CIG sull'installazione e l'uso degli apparecchi a gas, sulla ventilazione dei locali e sullo scarico dei prodotti della combustione.

È importante sottolineare che, allo stato attuale della tecnologia, i sensori dei rivelatori di gas presentano limiti di affidabilità nel tempo che, a volte, possono originare falsi allarmi o... false sicurezze. Se decidi di installare uno di questi dispositivi, accertati che sull'apparecchio sia presente il marchio di qualità IMQ e verifica che sia idoneo al tipo di gas utilizzato: metano o G.P.L. (gas in bombole).
Un'ultima importante avvertenza: installare un rivelatore di gas è particolarmente delicato poiché è difficile posizionare correttamente il dispositivo nell'ambiente affinché rilevi anche una minima presenza di gas. Pertanto, l'installazione deve essere effettuata da imprese abilitate, secondo le istruzioni del costruttore e in conformità con le indicazioni ministeriali e le norme vigenti.


SICUREZZA
Il metano è un combustibile sicuro. È il principale componente del gas naturale ed è un eccellente carburante. Non contiene alcuna sostanza tossica, essendo odorizzato, il suo odore peculiare ne rende riconoscibile ogni minima perdita, non si infiamma facilmente ed essendo più leggero dell'aria, si disperde verso l'alto.
Non bisogna però dimenticare che si tratta sempre di un gas e che, in quanto tale, richiede molta cautela.

La miglior cura, in questo caso, è la prevenzione. Occorre dunque:

controllare che le apparecchiature siano a norma
E' opportuno verificare che sia presente il marchio CE (OBBLIGATORIO) sulle apparecchiature. Tale marchio testimonia che l'apparecchio è stato prodotto e collaudato secondo i criteri prescritti dalla direttiva europea 90/396/CEE.

sorveglianza della fiamma
Tutti gli apparecchi, per legge, devono essere dotati di dispositivi di sorveglianza di fiamma che hanno il compito di bloccare la fuoriuscita di gas in caso di spegnimento. Fanno eccezione i piani cottura per cui tali dispositivi non sono imposti dalla normativa, ma, tuttavia, vivamente consigliati.

verifica dei locali
E' buona norma far fare un sopralluogo a tecnici specializzati per verificare che gli impianti siano idonei all'installazione.

ventilazione
I locali dove sono installati gli impianti devono essere adeguatamente ventilati.
Lo scarico dei fumi prodotti dal bruciare del gas è di fondamentale importanza per la sicurezza: le caldaie di nuova installazione devono scaricarli attraverso i camini singoli o le canne fumarie collettive con sbocco oltre il colmo del tetto. 
Anche i fornelli devono essere provvisti di una cappa per lo scarico all'esterno dei fumi di combustione, indipendentemente da quello della caldaia.

le tubazioni
I tubi non devono essere collegati in postazioni che possano provocare deformazioni, rotture e surriscaldamenti e sostituiti entro la scadenza indicata sul tubo.

fare installare gli impianti da tecnici abilitati
In riferimento alla legge 46/90 si riporta che:
arrole opere di installazione, ampliamento, trasformazione e manutenzione degli impianti a
gas a valle del contatore siano eseguite soltanto da operatori abilitati, in possesso di
determinati requisiti tecnico-professionali attestati da un documento rilasciato dalle
Camere di Commercio o dalle Commissioni Provinciali per l'artigianato;
arroche al termine dell'installazione la ditta rilasci una dichiarazione di conformità

manutenzione annuale della caldaia
La verifica annuale obbligatoria della caldaia, prevista dal D.P.R. 412 del 1993, è di fondamentale importanza per la sicurezza e l'efficienza degli impianti e va registrata sul libretto di impianto da esibire in caso di controllo.
Tale verifica attesta:
arroPulizia del Bruciatore
arroCorretto funzionamento dei termostati di sicurezza, ventilazione e tiraggio fumi
arroAnalisi del rendimento della caldaia

eseguire un controllo annuale delle apparecchiature
Tale controllo oltre che per la sicurezza si rende utile per un risparmio energetico concreto.

norme generiche
In caso di malfunzionamento degli impianti contattare subito il pronto intervento.

alcuni consigli sulla sicurezza
arroIn caso di assenza prolungata chiudere il rubinetto centrale del gas;
arroPrestare attenzione alla fuoriuscita di liquidi quando si cucina: può spegnere la fiamma
e provocare fughe di gas;
arroQuando le fiamme non sono azzurre e di forma regolare, spazzolare i bruciatori. Se il
fenomeno permane nonostante l'intervento di pulizia è opportuno rivolgersi ad un
installatore;
arroEvitare forti correnti d'aria mentre si cucina: potrebbero spegnere la fiamma.

cosa bisogna fare se si avverte odore di gas?
arroAprire immediatamente porte e finestre per aerare l'ambiente creando correnti d'aria
arroChiudere il rubinetto del contatore del gas
arroSpegnere altre fiamme eventualmente accese
arroNon azionare interruttori elettrici quali luci, campanelli, ecc.
arroNon accendere assolutamente fiamme
arroNon usare telefoni interni all'abitazione/edificio (né di rete fissa né mobili)


IL RAPPORTO CON L'AMBIENTE
Le emissioni in atmosfera di sostanze inquinanti derivano principalmente da processi di combustione: dal sistema di vaporizzazione del gas e dalle caldaie per uso civile.
Il gas naturale può essere considerato la fonte di energia primaria più pulita che abbiamo a disposizione, nonostante la sua combustione generi gas serra che contribuiscono al surriscaldamento del pianeta.
Il fatto che manchi di impurità, non sia tossico, non produca residui di combustione (bruciando crea solo vapore acqueo ed anidride carbonica) ed abbia un elevato potere calorifero lo rende una fonte energetica quasi ecologica.
Per quanto riguarda l'impatto ambientale proprio dell'utilizzo del metano, va sottolineato che, non contenendo zolfo, durante la combustione non produce anidride solforosa, colpevole del fenomeno delle piogge acide; inoltre le sue emissioni di anidride carbonica sono del 25 e del 40% inferiori a quelle del petrolio e del carbone.
Altro in questa categoria: « Informativa Pronto Intervento »
Torna in alto

Cerca

Chi è Online

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online

Area riservata

Cerca

Dove Siamo

Sede Legale e Amministrativa
Via Appia loc. Lo Uttero snc
81100 Caserta (CE)

Partita IVA
 n. 02793220167
C. Fiscale n. 00863780623

Foto Gallery

ZooTemplate
ZooTemplate
ZooTemplate
ZooTemplate
ZooTemplate
ZooTemplate

Top of Page